LE DONNE E IL PROBLEMA DELLA RAPPRESENTANZA

Pubblicato 20/06/2012 da paroladistrega

In questi giorni, sempre più acceso nel web (Facebook,Twitter, blog, riviste online, etc), il problema della rappresentanza femminile. Causa candidature di donne al Cda Rai. Ma questa storia delle candidature Rai è solo la goccia che fa traboccare il vaso (forse quello di Pandora….).

Qui non starò a fare discorsi triti e ritriti sui nomi, sui c.v., sull’iter utilizzato per le candidature.

Qui mi interessa riflettere sulla mitica rappresentanza femminile.

Per dirla in due righe: dal voto alle donne (oh gaudio!), alle quote rose (bah!), fino al tanto desiderato e agognato 50-50 (vd. anche “Lettera aperta ai partiti” del gruppo Fb di Lidia Castellani).

In questi tre steps, tutto un mondo.

Ma la corsa (al galoppo) delle candidature di donne al consiglio Rai ha fatto capire a molte di noi una cosa: il vero problema non è il 50-50 (e comunque non è l’unico e solo), ma il “chi e come” candidare.

Cioè: nomi e modi di designazione di “donne degne rappresentanti di donne” (e sottolineo il “degne”).

In merito a ciò, sono nate domande in quel grande workshop che è ormai Facebook. Domande valide per qualsivoglia corsa-candidatura di qualsivoglia contesto socio-politico (e nel “socio” intendo comprendere tutto, cioè qualsiasi ambito sociale, dall’economia alla cultura e via dicendo):

 

  1. Quali donne hanno il diritto-dovere di scelta di altre donne? Ergo: quali donne devono e possono scegliere donne “rappresentanti”? Ergo: elettorato attivo o nomine dall’alto? Di volta in volta lanciamo in aria la monetina per decidere?
  2. Modus operandi: come si fa a stabilire quali sono le donne più meritevoli in quello specifico settore-contesto? Si usano c.v., si usano criteri della prima che arriva meglio alloggia, si manda avanti quella più famosa?
  3. La candidata, una volta eletta ed insediata, sarà segnalata a “Chi l’ha visto?” oppure si degnerà di colloquiare e rapportarsi con le povere mortali che l’hanno sostenuta?

Forse forse, la chiave di tutto è il dialogo costruttivo. Ma siamo ancora in fase di competizione. Ahimè.

Se riuscissimo a superare le gomitate e gli sgambetti, se riuscissimo a parlare senza sembrare Erinni…

Come ho scritto in un commento feisbucchiano… quelle che troveranno la chiave del dialogo costruttivo (peer to peer) riusciranno ad aprire la porta della rappresentanza. Quella vera.

Auguri a chi ci riesce.

 

Annunci

Un commento su “LE DONNE E IL PROBLEMA DELLA RAPPRESENTANZA

  • Cara BArbara,
    come sai, con l’iniziativa della ‘Lettera aperta ai partiti’ abbiamo provato esattamente a costruire un dialogo tra donne, soprattutto, che in comune avevano soltanto quell’obiettivo, ed è stata un’esperienza assolutamente costruttiva per tutti: abbiamo lavorato insieme, abbiamo scritto un documento, l’abbiamo fatto girare, firmare, conoscere, l’abbiamo sostenuto da nord a sud aggregando e via via conoscendo migliaia di persone. Con spirito positivo ognuno ha dato il supporto che poteva/voleva dare, (lasciati ringraziare per il tuo sostegno generoso ed efficace) la partita è ancora aperta, i risultati ci sono stati, ma il più grande è stato quello di realizzare l’utopia di una rete.. andiamo avanti così ricordandoci che prima di cambiare la società, dobbiamo cambiare noi stesse!

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: