LA RISPOSTA DI FRANCESCA IZZO , C.P. SNOQ, ALLA MIA LETTERA

Pubblicato 12/09/2012 da paroladistrega

FRANCESCA  IZZO ha gentilmente risposto alla mia lettera.  Ecco quanto scrive:

“La ringrazio per l’interesse che ha per il mio impegno in snoq e per l’opportunità che mi da di precisare meglio quello che credo giusto fare in questo momento così duro e difficile. Anch’io sono convinta come lei che già dalla prossima legislatura in parlamento debbano esserci tante donne che condividono un’agenda femminile-femminista. Ma come ottenere questo risultato? Ecco qui spunta la diversità di opinione. Io non credo che una lista, un partito di donne sia la soluzione, anzi. Invece di allargare. di coinvolgere donne e perchè no? anche uomini di tutti gli schieramenti e partiti (come accadde il 13 febbraio)su le questioni per noi più urgenti (alcune citate anche da lei) , ci ridurremo ad un gruppetto visto come antagonista, come concorrente elettorale da tutte le altre donne presenti nei partiti e, al di là dei numeri che si potrebbero ottenere, la “trasversalità” necessaria per ottenere risultati in parlamento si andrebbe a far benedire. Secondo me un patto femminile-femminista stretto tra donne dei movimenti, dei partiti, delle associazioni e singole su alcuni impegni precisi e sostenuto in campagna elettorale per eleggere e fare eleggere le donne “giuste” in tutti i partiti che si presentano alle elezioni potrebbe invece essere la via migliore. Che ne pensa?”

LA STREGA RISPONDE.

Gent.ma Francesca Izzo, intanto la ringrazio per aver risposto alla mia lettera. E’ essenziale che esista un dialogo tra vertice e base Snoq (e non solo Snoq, ovvio). La base si lamenta spesso di non avere un ascolto nel vertice. La sua riposta rappresenta una rottura in questo: positiva, molto. Io ho detto che voglio donne che mi rappresentino, donne in cui potermi identificare: ecco, questo ad esempio è un punto a suo favore. Lei sta avendo un dialogo con me. Lei si confronta. E questo è fondamentale in un Patto tra donne. Lei sta aggiungendo credibilità a questo Patto.

Venendo allo specifico del c.d. Partito delle donne (idea partorita da un gruppo di donne che si sta confrontando sul tema via email), vorrei precisare un punto fondamentale che spesso viene contestato da molt*:  la natura esclusivamente femminil-femminista, con chiusura agli uomini (tipo ghetto).

Lei sa meglio di me che un partito “chiuso” agli uomini non potrebbe esistere per ovvi motivi costituzionali: è come se si creasse un movimento politico precluso ai musulmani o alle persone di colore o agli omosessuali. Non è costituzionalmente ammissibile.

Ciò detto, non è neppure una volontà o un desiderio delle donne che credono in questa idea di Partito: il femminismo di oggi DEVE ESSERE APERTO AL DIALOGO COSTRUTTIVO CON GLI UOMINI. Ci mancherebbe. Sennò non si va da nessuna parte. Le auto-ghettizzazioni non devono assolutamente esistere.

Ho letto con attenzione la sua risposta e confermo la mia stima per lei. In nome di questa, mi auguro che Snoq continui la sua battaglia, ma credo che sia troppo difficile pensare alla possibilità di fare politica al pari degli uomini.

Il problema centrale dei partiti oggi è il “come e con chi allearsi”: ogni giorno ne sentiamo una nuova (da pelle d’oca). Il “problema donne” per i partiti è marginale. Non guardiamo solo le dirigenze, non guardiamo solo la Capitale. Guardiamo, osserviamo le situazioni a livello provinciale e comunale. Che ruoli hanno le donne in quei contesti? Che potere hanno? Lei lo sa che spesso Snoq non è neppure conosciuto (ahimè)?

Qui, la sua risposta potrebbe essere: appunto, cambiamo le cose.

E la mia domanda allora sarebbe (è): come facciamo a cambiare le cose se non abbiamo POTERE (quello vero)?

Grazie del bel confronto.

Barbara Giorgi

_______________________________________________________________

CONTATTI  15   SETTEMBRE  2012:   5.139

Annunci

4 commenti su “LA RISPOSTA DI FRANCESCA IZZO , C.P. SNOQ, ALLA MIA LETTERA

  • Lasciando ora da parte i ringraziamenti reciproci, direi di continuare a discutere intorno alle varie ipotesi in campo. Continua a non convincermi per le ragioni già dette un partito delle donne aperto ovviamente anche agli uomini: non possiamo chiuderci in una parzialità che rischia di essere anche molto esile, mentre abbiamo urgenza di investire l’insieme della politica e di essere in tante. Questo per me è il problema. Un caro saluto

  • beh…. prima o poi troveremo la strada “comune denominatore” per tutte. Lo spero davvero. Sarà patto? Sarà partito? Spero solo che questa “cosa” – ancora forse non completamente identificata – dia buoni frutti 🙂

  • Niente vieta di seguire più’ strade/strategie. Da una parte un patto da attiviste femministe e donne e uomini dei partiti e dall’altra un partito politico creato apposta. Rimane pero’ una certezza da far entrare nella testa dei ns. Politici: devono investire sull’elettorato femminile come sta facendo Obama. Basterebbe promettere un welfare decente e tutte le donne voterebbero per quel partito!

    • Ciao Donatella, bentrovata. Sì, credo che – almeno per ora – possano e debbano convivere diverse iniziative. Tutte hanno un unico grande obiettivo e per arrivare a Roma, si possono prendere diverse strade (vd. proverbio).
      Obama è lontano da qui. Gli USA sono un altro mondo: “Occidente” è un’unica parola ma comprende diverse realtà e Paesi.
      Grazie del tuo apporto qui, ma soprattutto del tuo impegno in DONNE IN QUOTA 🙂

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: