FEMMINICIDIO: RICOMINCIARE DALLE DONNE

Pubblicato 06/05/2013 da paroladistrega

Da tempo, mi impegno nel web con le varie campagne contro il femminicidio e contro la violenza sulle donne (ne menziono una per tutte: NO MORE).

Mi batto come tante di noi, confrontandomi spesso anche con gli uomini, qui nel blog, su facebook e di persona.
E chiedo spesso il “perché” – secondo loro – un uomo può arrivare ad uccidere una donna. Magari proprio la donna con cui quell’uomo ha scelto di vivere per sempre o di condividere comunque una parte della sua vita.

Appunto: come nel caso di Chiara (27 anni) uccisa con due colpi di pistola dal suo compagno, che poi si è ucciso con la stessa arma. Uno dei tanti femminicidi degli ultimi tempi e degli ultimi giorni.
Non so perché mi ha particolarmente colpito il viso di Chiara, in quelle foto con il suo compagno, felici, innamorati, abbracciati stretti. Ma proprio perché ho rispetto di quel viso di donna felice, non ci sto a parlare di “amori malati”, non ci sto a parlare di retroscena di gelosia, non ci sto a fare del facile “giustificazionismo” per dare una veste di umana comprensione a quell’uomo che spara, falciando via la vita di una donna, mia sorella come tutte quelle massacrate.

E allora torno alla domanda posta agli uomini: perché? Mi rispondono spesso (e condannano ovviamente tale linea di pensiero): ”perché la donna è vista come un oggetto da possedere, gestire, una cosa di proprietà”.

Ma noi donne siamo individui, essere umani, menti a se stanti, corpi autonomi e liberi. Come farlo capire?
Care donne, è pur vero che la pubblicità ci strumentalizza, che la cultura patriarcale ci soffoca e manipola, che il potere se ne frega altamente di noi…. Ma non possiamo darci per vinte.
Quindi, iniziamo da noi stesse. Iniziamo con l’educare il compagno, il marito, il figlio, il vicino di casa, il fratello, l’amico, tutto quel mondo maschile che abbiamo intorno, giorno per giorno: non dobbiamo farne passare mezza. Dobbiamo essere ferme nel farci rispettare, sempre e comunque.

Lo so, non è facile. Ma spesso c’è un errore di fondo: manca la nostra consapevolezza, il nostro senso dell’io, la nostra percezione del pericolo e la capacità (o la voglia) di delimitare il nostro spazio di libertà.
Non facciamo entrare nessuno nel nostro spazio personale di libertà: nessuno.
Perché nessuno può o deve gestire la nostra vita: siamo singoli individui, non oggetti.
Ripartiamo da noi stesse. Proviamoci.

__________________________________________________________

CONTATTI   AL   24  MAGGIO 2013:   11.235

Annunci

2 commenti su “FEMMINICIDIO: RICOMINCIARE DALLE DONNE

  • parlare di amori malati non è per forza una giustificazione..secondo me questi uomini non sanno amare nè gestire eventuali frustrazioni o sofferenze. Quanto alla gelosia, amore vuol dire fiducia se c’è la gelosia va tenuta a bada (poi la fiducia può essere pure mal riposta ma è una cosa che succede, soffrire è normale, uccidere colei che dicevi di amare no)

    • Ci sono uomini e uomini. Alcuni vedono la donna come un “essere umano” e la amano come tale, altri vedono la donna come un “oggetto da possedere” e la gestiscono come fosse un soprammobile. Ecco perché a noi donne spetta educare e ri-educare il mondo maschile, soprattutto con l’aiuto di quegli uomini che hanno il senso della realtà.

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: