I MINI UOMINI

Pubblicato 02/09/2013 da paroladistrega

Ci sono uomini e uomini. Certo: ci sono anche donne e donne. Come ci sono pure gatti e gatti, lasagne e lasagne, scarpe e scarpe, libri e libri. Al mondo c’è varietà.
Anche gli uomini sono di diverso tipo…
Ma va da sé: senza gli uomini non potremmo certo scrivere e cantare di sole-cuore-amore, non potremmo leggere i versi di Paolo e Francesca, non guarderemmo la luna e le stelle con il naso all’insù e lo stomaco in subbuglio, non compreremmo chili di post-it per lasciare messaggini innamorati in ogni dove, non sospireremmo come asmatiche di fronte al mazzo di rose rosse simbolo d’amore eterno, non piangeremmo lacrime più copiose delle gocce del Gange nel guardare film romantici.
Non saremmo noi. Senza gli uomini non saremmo qui.
E loro senza di noi? Neppure loro sarebbero qui. Solo che molti non lo sanno: credono di essere arrivati con la cicogna.
Comunque, non sono tutti così male.

Ci sono quelli della partita satellitare sparata in tv a tutto volume (per ascoltare meglio i commenti sagaci e filosofeggianti dello speaker) accompagnata da un chilo di spaghetti al dente conditi con vasetto confezione famiglia di sugo all’amatriciana. E birra fredda. Il tutto senza apparecchiare, così come viene, un momento improvvisato e naif sul divano (soprattutto sui divani di stoffa bianchi che attirano il sugo a calamita).
Ma questi sono gli uomini che – probabilmente – ci stanno pure simpatici. Perché, diciamolo, è preferibile che guardino la partita piuttosto che vederli girare in casa con trapano e martello mentre tentano di attaccare mensole. Mine vaganti. E guai a chiedere informazioni sulle intenzioni: è lesa la loro dignità di bricoleur.

Poi ci sono quelli che invece fanno gli intellettuali. Magari non lo sono, ma lo fanno.
E sanno tutto di tutto e tentano di spiegarci al millimetro cosa sarebbe meglio fare-come-quando-perché.
E se ci raccontano una cosa iniziano da Adamo ed Eva, mentre noi sappiamo già qual è la conclusione e pure tutte le eventuali opzioni e vie di fuga. Con e senza mela del peccato.
E mentre parlano, noi pensiamo alla lista della spesa, ripassiamo tutto il bilancio familiare e quello dell’ufficio.
Ma questi uomini non sono così male: parlando tanto, ci aiutano a stare sveglie anche senza caffè.

Poi ancora ci sono quelli muti. Come un pesce, come una lumaca, come il vaso di terracotta con le ortensie. Mutissimi. E se parliamo chiedendo la loro attenzione, ci fissano con un’assenza di pensiero preoccupante. La spiegazione logicissima è sempre quella. Sono stanchi. Noi no. Noi siamo sempre vispe come grilli ad agosto: anche con quarantadue di febbre, mal di testa cronico e tallonite acuta. Ma si sa: la stanchezza è prerogativa del maschio che lavora. La donna lavora per diletto.
Ma anche questi uomini, in fondo, sono amabili. Il loro silenzio ci permette l’elaborazione di monologhi entusiasmanti, tipo quelli tenuti allo speakers’ corner a Londra. Ce le cantiamo e ce le suoniamo.

E infine ci sono loro: i MINI UOMINI. Quelli che sono “mini” in quanto non sono uomini. Non come gli altri. Sono omini, omuncoli, ometti.

I MINI UOMINI sono quelli che per sentirsi “maxi” usano la clava: non sono ancora usciti dalla caverna, non sono ancora sapiens sapiens, non hanno ancora capito che l’altra metà del pianeta è abitata da noi donne. Credono di essere gli unici esseri pensanti di tutto l’universo. Oltre a loro, tutto il resto, dal pidocchio alla donna, dal virus alla femmina… è roba da brodo primordiale. Anzi, credono che i virus siano anche più intelligenti della donna.
I MINI UOMINI sono quelli che prima dicono di amarti: vanno in cielo e rubano la luna per te, ti coprono di petali di rosa e ti fanno levitare dal suolo. Poi ad un tratto, un giorno, si tolgono la maschera mostrando il loro essere mostruoso.
E iniziano ad arrivare le critiche cattive, quelle costruite ad hoc per distruggere la nostra sicurezza, per farci sentire in balìa delle onde.
E poi arrivano le offese urlate, quelle scagliate contro come sassi: una lapidazione in piena regola per noi, colpevoli d’essere donne.
E ancora, come in un film dell’orrore quando la musica incalza, ecco le spinte, ecco il primo schiaffo.
E poi un altro ed un altro ancora.
E magari, nel tempo, arrivano i pugni. E i calci sul corpo disteso a terra, piegato e racchiuso in sé come quello di un neonato.

Noi non usiamo la forza. Non quella fisica. Raro.
Noi siamo forti dentro. Siamo dei contenitori immensi di forza interiore. Siamo così immense che in noi non esiste un principio e non esiste una fine.
O meglio, la fine spesso c’è. E noi, con il nostro contenitore di forza, ce ne andiamo senza far troppo rumore. Basta l’ultimo calcio, basta l’ultimo pugno.

Ma il MINI UOMO non vince. Non può vincere. Non vincerà mai.
Perché per ogni donna caduta sotto la sua clava da cavernicolo, ce ne saranno sempre altre mille che alzeranno la testa.

____________________________________________________________________________

CONTATTI  3  SETTEMBRE 2013:  16662

AVVISO AI VISITATORI DEL BLOG: LA PUBBLICITA’ NON  E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

Annunci

Un commento su “I MINI UOMINI

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: