LA BUONA E LA BULLA

Pubblicato 08/02/2014 da paroladistrega

Eccoci alle prese con un’altra ondata di stereotipi. Vecchi-ma-nuovi, sparati su Facebook in modo virale, da qualche giorno.
Due ragazzine, due adolescenti: la mora e la bionda, la buona e la cattiva, la difendibile e l’indifendibile, la fata e la strega.
Accade questo: la mora buona è picchiata dalla bionda bulla (storie di amiche, di amori, di cose dell’adolescenza).
Tutto in un video girato da un amichetto del gruppo – come oggi spesso accade tra giovanissimi e non solo – mentre altre/i in numero approssimativo di 30-40 (si dice) stanno a guardare divertiti.
O – comunque – se ne fregano altamente della ragazzina che subisce calci e colpi in varie parti del corpo.

Sì, ho visto il video (ma non lo linko qui, perché si tratta di minorenni) e mi sono arrabbiata tantissimo: avrei voluto essere lì a difendere la ragazzina che subisce, allontanandola dai calci dell’altra, sicura di sé, aggressiva, incalzante nel suo infierire.

Poi, cercando qua e là su Facebook, vedo un link particolare.
E’ una pagina creata come conseguenza-contrapposizione di quel video.
E’ una pagina creata – si dice – con “l’intento di condannare qualsiasi forma di violenza”.
Ma nella suddetta pagina – invece – trovo un susseguirsi di offese e definizioni violente rivolte alla ragazza-bulla (e non linko neppure questa pagina, datevi pace, perché si tratta di minorenni).

Allora mi viene proprio da pensare a queste due bambine di quattordici anni: una aggressiva e l’altra succube.

Entrambe ora sono delle VITTIMEdi se stesse, l’una dell’altra, di un video virale violento, del gruppo-branco di sedicenti amici, della pagina Facebook che mette alla gogna, di chi non le ascolta, di chi ride di loro, di chi si scandalizza e tira avanti…

Ed è pure colpa mia. Perché ne scrivo, ma non ho soluzioni.

__________________________________________________
CONTATTI 11 febbraio 2014:  20.861
AVVISO AI VISITATORI DEL BLOG: LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

Annunci

3 commenti su “LA BUONA E LA BULLA

  • Un mio contatto telematico mi ha detto che, su un famoso social network, è circolato un video in cui una dodicenne s’infilava nelle parti intime un deodorante. L’avrebbe realizzato lei, per fare un omaggio al proprio ragazzo, a quanto pare. Diciamo che costui le avrebbe dimostrato la propria gratitudine…

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: