FACEBOOK: OK AL SENO CHE ALLATTA

Pubblicato 14/06/2014 da paroladistrega

pablo-picasso-maternity

 

FACEBOOK dà il suo okay per le foto delle mamme con seno nudo che allattano.
http://www.huffingtonpost.it/2014/06/14/facebook-foto-seno-nudo-allattamento_n_5494893.html?utm_hp_ref=italy

Bene. Sono molto contenta di questa conquistata libertà di esposizione di seni che allattano, sul social più famoso.

Del resto, possiamo dire che non c’è niente di più bello della maternità visibile e condivisa, che non c’è niente di più commovente dello sguardo di una madre che allatta, che non c’è niente di più innocente di un bebé che si nutre dal seno materno.
E fin qui, credo, possiamo essere tutt* d’accordo: madri e non madri, padri e non padri.
Però, come in tutte le azioni umane, come in tutte le situazioni di vita, non si può dire che “tutto va bene”, sempre e comunque. Serve misura, serve “sapienza”. Serve prima riflettere.

Non sono madre. Se lo fossi, posterei le mie foto mentre allatto? La risposta è NO.
Perché? Semplice.

Primo. Perché vorrei che il “momento magico” tra me e mio-a figlio-a  fosse tutto nostro, senza bisogno di sbatterlo nel web sotto l’occhio indagatore di quei maschietti a cui non interessa molto dell’allattamento.

Secondo. Perché non sento e non sentirei l’esigenza di mostrare parti di me o di mio figlio per creare una condivisone pubblica e plateale delle emozioni.

Terzo.  Per il RISPETTO nei confronti della creaturina: qualcun* si pone il problema che i bambini e le bambine non possono esprimere la loro opinione in merito e si trovano sbattuti sul web, a prescindere? E non c’entra nulla non far vedere il volto:  c’è comunque un corpo e quel corpo ha dei diritti.

Questo è il mio pensiero.
Non sono bacchettona (neppure per sbaglio).
Credo solo che l’allattamento sia qualcosa di talmente bello, poetico, intimo, dolce, da non necessitare di “sbandieramenti” nei social, sotto gli occhi di chi apprezza, ma anche di chi non ha sguardi così ingenui e puri.
Ormai, mettiamo tutto lì dentro, come carne al macello.

Almeno i bambini, lasciamoli in pace.
______________________________________________________

CONTATTI  15  giugno 2014:  30.342

AVVISO AI VISITATORI DEL BLOG: LA PUBBLICITA’ NON  E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parti di lui

Sono un Dugongo spiaggiato.

PALESTINE FROM MY EYES

Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

paroladistrega

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

Posto Occupato

È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

seiofossifoco

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

IllustrAutrice

BARBARA GIORGI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: