#WomenForFeminism

Pubblicato 30/07/2014 da paroladistrega

 

v f women

 

In questi giorni, nel web, nei social, nei giornali online, si è parlato della moda dei selfie di giovani-giovanissime con hashtag e slogan vari contro il femminismo. Alcuni ironici e divertenti, altri antipatici e banali.

E si è anche parlato di femminismo, neofemminismo, postfemminismo, femminismo talebano, femminismo conservatore, femminismo vs la parità di genere (perché il femminismo sarebbe una specie di mostro dominatore sul maschio…). E così via.

Insomma si è parlato pro e contro il femminismo, in questi giorni, nel web.

Ma, direte, è da sempre che se ne parla. Vero. Però alcuni giornali stanno insistendo, stranamente, sul tema: forse forse, nella speranza di vedere qualche bella scintilla tra diverse correnti di pensiero.

Ma noi non daremo (mi auguro) questa soddisfazione. Siamo femministe, quindi dispettose (tanto per rimanere nello stereotipo “femminista acida e cattiva”). E come femministe dispettose, guarda un po’, approfittiamo di questo momento e cavalchiamo pure noi l’onda.

Così, ho creato pure io un piccolo luogo di confronto su Facebook: la pagina #WomenForFeminism. 

https://www.facebook.com/groups/752216244840450/

Purtroppo per chi si aspetta sangue e arena o le ultime crociate, butta male, perché in questo gruppo ci si confronta molto serenamente.

Del resto, diciamolo: il nocciolo della questione, è proprio la fatidica, agognata, c.d. SORELLANZA.

E se provassimo ad annullare lo stereotipo “le donne si fanno la guerra”?

Lo so. E’ vero. Un po’ la guerra ce la facciamo: sgomitiamo sul lavoro, non riusciamo sempre a fare spazio alle altre, ad essere accoglienti, ad applicare la regola “il tuo bene è il mio bene”.

Ma se – almeno parlando di femminismo – riuscissimo a creare un confronto senza inasprire i toni, chissà… forse riusciremmo ad andare oltre questo groviglio di pensieri e posizioni.

Penso che le parole più interessanti e produttive per un  confronto costruttivo sul femminismo, siano state pronunciate, in questi giorni, dalla giornalista e scrittrice MONICA LANFRANCO, in un video che linko qui sotto. Mi ha colpito soprattutto la parte dove invita le giovani a riflettere sulle conquiste del femminismo, cogliendo proprio ciò che può servire a loro.

Ha parlato come parla una madre alle figlie.

Oppure, come parla una sorella alle proprie sorelle.

___________________________________________________________

VIDEO DI MONICA LANFRANCO: “Femminista a chi? Provo a raccontare perché non è una parolaccia”

https://www.youtube.com/watch?v=ahS4v3LnsxY&feature=share

___________________________________________________________________________

CONTATTI  30  luglio   2014:   38.702

AVVISO AI VISITATORI DEL BLOG: LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parti di lui

Sono un Dugongo spiaggiato.

PALESTINE FROM MY EYES

Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

paroladistrega

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

Posto Occupato

È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

seiofossifoco

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

IllustrAutrice

BARBARA GIORGI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: