IL CANCRO NON E’ UN GIOCO

Pubblicato 11/10/2014 da paroladistrega

NASTRO ROSA

 

Ottobre: il mese dedicato alla prevenzione per il cancro al seno. Fiocchi rosa per ricordare questa importante iniziativa per la lotta contro il tumore.

E nascono molte azioni originali per tenere viva l’attenzione: come l’iniziativa della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i tumori) di Massa Carrara, con l’associazione Mafalda di Massa, pertinente la creazione della sciarpa di lana rosa, lunga chilometri, creata dalle donne del luogo, coordinate dalla giornalista, scrittrice e poetessa Angela Maria Fruzzetti (sabato 8 novembre la sciarpa sarà misurata a Massa, per  battere il primato della sciarpa di Trento, lunga poco più di 3 km). Tutto ciò per sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti della campagna di prevenzione per il tumore al seno. Le donne aderenti all’iniziativa sono state molte: durante il loro lavoro a maglia (riunite in gruppi) si sono confrontate, hanno portato le loro esperienze, hanno condiviso emozioni profonde.

Oltre a queste iniziative così coinvolgenti ed empatiche,  poi ce ne sono di strane (per usare un eufemismo). Gira per esempio su Facebook il gioco  del “mi piace”: le donne aderenti a questa – chiamiamola  – iniziativa, scrivono nella loro bacheca “mi piace sul divano” o “mi piace sul tavolo” (o altre opzioni), senza specificare “che cosa” piace. Si riferiscono in realtà a dove preferiscono posizionare la loro borsa in casa. Tutto ciò dovrebbe portare gli uomini a chiedere “cosa ti piace?” con evidente doppio senso, a sfondo sessuale. Le sostenitrici del gioco dicono che questo serve a “sensibilizzare” sul tema della lotta al tumore (sensibilizzare chi? gli uomini? sono loro che dovrebbero fare la mammografia?)

Mi sono sforzata, giuro. Ma non colgo nessun parallelo e nessuna piccola attinenza tra il giochetto del “mi piace” a sfondo sessuale e il cancro. Sarà che ogni sera chatto con alcune amiche malate di cancro, dal nord al sud dello stivale. Sarà che ho visto il cancro negli occhi di persone amate. Sarà che non mi piace associare giochetti acchiappa-maschi con il cancro. Sarà che c’è la mia Amica Bionda che con il cancro non ci gioca. Lo combatte.

Tempo fa ne ho scritto qui, nel blog. Ho scritto di questa Amica conosciuta su Facebook, per caso, come spesso accade. Ho scritto della mia Amica Bionda, così da me soprannominata  per la sua chioma ondeggiante e luminosa. Quella chioma che cade ogni volta che lei si deve sottoporre a cicli di chemio. E in questi giorni sta facendo la c.d. “chemio rossa” (dal colore dei medicinali somministrati per via endovenosa). Una chemio tosta che porta ad effetti collaterali pesanti, come nausea e  vomito.  E perdita dei capelli. Ma lei rimane bella e luminosa, anche senza le sue chiome. Ricresceranno, come sempre, come le altre volte.

Ci scriviamo in chat, io e l’Amica bionda. Spesso. Cerco di darle forza, coraggio, anche se non credo che ne abbia davvero bisogno, perché lei è una guerriera, una tosta, una che non demorde.

Ecco. Credo che il mio impegno e quello delle altre donne nei confronti della campagna di prevenzione per il tumore al seno, potrebbe e dovrebbe partire da loro:  da quelle donne che stanno combattendo contro il cancro.

Dovremmo lasciar perdere i giochetti del “mi piace”.  Le sostenitrici del gioco ci riprovano ogni anno. E ogni anno sostengono che può servire a “tener viva l’attenzione sul problema”. Come? Un gioco a sfondo sessuale serve a sensibilizzare sulla prevenzione per il cancro?

Sappiate solo che la mia Amica Bionda non ama questo gioco. Forse le sembra una presa in giro. E secondo me, ha ragione. Questo gioco sembra porre il cancro su un piano di goliardia, di piacevolezza, di simpatia. Famose du risate…

No. Niente risate. Niente doppi sensi. Fate qualcosa di CONCRETO e lasciate perdere i giochetti.

Il CANCRO NON E’ UN GIOCO.

____________________________________________________________

CONTATTI  11 ottobre:  43.881

LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

Annunci

5 commenti su “IL CANCRO NON E’ UN GIOCO

    • Sì, ma il gioco con doppio senso, a sfondo sessuale, rimane penoso. Non è che per “sensibilizzare” vada bene qualsiasi cosa. C’è anche da tener conto di molte malate di cancro che con questi giochetti insulsi si sentono prese in giro. Come la mia Amica bionda. Di cancro se ne deve parlare seriamente, non riducendo tutto a “cantucci e vino”.

  • Nessuno come chi c’è passato (sono stata operata di un sospetto cancro, che tale non si è rivelato, ma ho passato mesi d’inferno) e ha avuto amiche morte di cancro al seno (io ne ho avuto due!) sa cosa tutto ciò vuol dire. Però il giochino, che quest’anno ha un doppio senso, l’anno scorso ad es. no, cerca davvero di attirare l’attenzione. Io stessa ci ero cascata tempo fa e vedere tanti post solo perchè qualcuno ha scritto cose apparentemente sciocche e poi rivelare che è per sensibilizzare, forse un pensiero e una meditazione se li porta dietro. Mi dispiace per tutte quelle donne che si sentono offese da tutto ciò, non credo che nessuno abbia fatto partire questa catena con l’intenzione di far male o minimizzare la gravità della malattia.

  • Cara Lalla, ti rispondo con le parole della mia amica LAURA (non è l’Amica Bionda) pubblicate nella sua bacheca Facebook qualche giorno fa, proprio contro questo gioco. Lei ha vissuto il cancro sulla sua pelle. La conosco personalmente. E’ una donna eccezionale che dà tutta se stessa in mille impegni sociali. Ecco qui (il testo lo trovi anche nella mia bacheca fb, visto che mi ha taggata):
    “Sul divano…sul divano ci stavo sdraiata quando la chemio mi devastava…e la stanchezza era tale che non riuscivo a parlare.
    Sulla sedia della cucina…ricordo il cibo che non andava giù, ma sopratutto…il tragitto dal letto alla sedia…mi sembrava la Parigi-Dakar.
    Sul tavolo della cucina…piatti invitanti che mi chiudevano lo stomaco…e pianti…il tavolo della cucina potrebbe raccontare molte cose.
    Chi ha avuto il cancro lo si ricorda diversamente.
    Non con le catene dal retrogusto sessuale (condivido il pensiero della mia amica Barbara Giorgi).
    Fate una donazione. Che sia Airc, che sia Lilt, che sia Ail poco importa, perchè…”la differenza non esiste”, come dice la mia amica Adriana .
    Il cancro…è un bastardo comunque.”

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: