“DARESTE UNO SCHIAFFO A UNA BAMBINA?”

Pubblicato 28/12/2014 da paroladistrega

disegno-bambini-a-scuola-colorato

Ho  visto il video “Dareste uno schiaffo a una bambina?” , realizzato con un gruppo di ragazzini (maschi), intervistati da un adulto. Sono poste domande generiche ai ragazzini dalla voce fuori campo. E si notano le loro reazioni allegre, spensierate. Poi arriva una ragazzina. Dopo altre domande, centrate adesso su di lei (es: falle una carezza, fai una smorfia), si chiede ai ragazzi di darle uno schiaffo.

I ragazzi cambiano espressione: sembrano scossi, meravigliati, sconcertati. E dicono tutti di no, con diverse motivazioni (alcune, certo, un po’ vecchio stampo e paternalistiche, ma sono bambini educati dalla nostra cultura, da noi).

http://video.repubblica.it/cronaca/dareste-uno-schiaffo-a-una-bambina-le-reazioni-dei-bimbi/187502/186407

Ciò detto, vorrei scrivere qualcosa anch’io su questo video, soprattutto in risposta a quelle femministe che nei social (Facebook in primis) lo attaccano come amazzoni in guerra. Perché a me questo video, PIACE.

Cosa viene criticato di questo video? Queste le “accuse” principali che leggo:

1) è un video “costruito”

2) è un video intriso di cultura patriarcale e paternalismo

3) la bambina è passiva e non ha ruolo attivo.

Allora, vado per ordine:

1) Il video è “costruito”, cioè guidato, organizzato,  come ogni situazione di studio in ambito educativo. Io sono formatrice e lavoro nelle scuole. Quando (per esempio)  si creano situazioni  di role playing, logicamente si attribuiscono ruoli, si pongono domande “guidate”. Vi aspettavate che il video avesse la sceneggiatura e la regia di un bambino di dieci anni? Non mi risulta che accada mai.

2) la cultura patriarcale la respiriamo tutti e tutte, voi comprese, me compresa. Quindi pretendere che dei ragazzini possano rispondere nel modo perfetto che volete voi, mi pare alquanto assurdo. Le loro risposte sono “intrise di cultura patriarcale” perché siamo stati NOI AD EDUCARLI COSI’. Volevate forse delle risposte scritte da voi, pianificate a tavolino e imparate a memoria da questi ragazzi? Questo video può costituire un ottimo (sottolineo ottimo) spunto di esame di coscienza per noi. Potrebbe, per esempio, essere sottoposto a degli studenti nelle scuole superiori, chiedendo loro delle risposte alternative e meno “patriarcali”.

3) La bambina è non attiva e c’è un ovvio motivo. Quando in una situazione umana ci sono due o più soggetti, esistono degli input (stimoli)  dati da una parte e degli output (risposte) date dall’altra parte. Se cambiamo gli input, sono modificati ovviamente anche gli output. Qui l’oggetto di studio erano le REAZIONI DEI RAGAZZI: se la ragazzina avesse detto o fatto qualcosa, interagendo o protestando, sarebbero ovviamente state condizionate anche le risposte dei ragazzi. Qui, invece, si voleva cogliere la loro immediatezza e  spontaneità.

Per chi avesse dubbi poi sulla validità del mio pensiero: so riflettere sufficientemente sui comportamenti umani, per motivi di studio e professione. Cosa che inviterei a fare, prima di condannare qualsiasi iniziativa attuata contro la VIOLENZA DI GENERE.

Ma si sa, va di moda fare le femministe incazzate (basterebbe fare le femministe impegnate, ma sul serio). Chi urla di più, ha più spazio nel web. Ma non è detto che abbia ragione.

_______________________________________________________________________

CONTATTI   28  dicembre 2014:   47.700

LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

 

Annunci

4 commenti su ““DARESTE UNO SCHIAFFO A UNA BAMBINA?”

  • va anche detto che nessuno bambino o adulto (a parte i pazzi) picchierebbero una persona sconosciuta per di più “a freddo” e sapendo di essere ripresi

    a me comunque è piaciuta la risposta di quel bambino che si è rifiutato di darle uno schiaffo “perchè so’ omm”..”perchè sono un uomo”..sarà “vecchio stampo” ma ha dimostrato che la violenza sulle donne non ha a che fare con la virilità

    • Sono d’accordo con te. Molte criticano l’espressione “perché sò omm”. Io non la critico per niente. Per me significa pure: “non sono uno schifo di uomo, ma sono un uomo vero,un essere umano”.

  • Di Internet non si può fare a meno , ma i continui assalti di scomposta irrazionalità, sono deleteri. Le tue considerazioni sono una piacevole oasi di buon senso. Grazie

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: