Archivi

Tutti gli articoli per il mese di gennaio 2015

CARE GRETA E VANESSA, IO SONO FELICE CHE SIATE TORNATE

Pubblicato 19/01/2015 da paroladistrega

gv

Basta. Lo dico. Greta e Vanessa sono attaccate ed offese, soprattutto in quanto DONNE.

Fossero state uomini, manco a parlarne.

Ovviamente, sto parlando di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due ragazze cooperanti in Siria, rapite dai guerriglieri, prigioniere per cinque mesi e mezzo. Poi liberate.

Sulle due ragazze, sono circolate  notizie non confermate (pagamento del riscatto di 12 milioni di euro) e altre notizie completamente false (sesso con i sequestratori), ma ciò che mi colpisce sono soprattutto le REAZIONI degli italiani di fronte alla diffusione di queste sedicenti news.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/18/chiedete-scusa-greta-vanessa/1348533/

Su Twitter, su Facebook e nei social in genere, le due ragazze sono definite nei modi più violenti, sono attaccate nei modi più incivili.

I soggetti più delicati propongono per il loro futuro delle “vacanze alternative”, definendole “ragazzine viziate”.

Poi ci sono livelli superiori di word bombing.

Circola, per esempio,  un velenifero “se la sono cercata”.

Ancora, alzando i toni, si giunge al top dell’ondata di fango (…vorrei scrivere un’altra parola).

Così,  tout court, c’è chi le definisce TROIE (novità nel lessico della misoginia).

E c’è chi ha proposto scambi tra la merce-ragazze e alcuni politici.

E c’è chi sperava in una loro perenne condizione di prigionia e schiavitù, soggette a stupri da parte dei sequestratori.

Ma il comune denominatore di questa esplosione di violenza verbale contro Greta e Vanessa è solo uno: sono DONNE.

Non raccontatemi la favola che sarebbe stato uguale nel caso di due coraggiosi ragazzi italiani impegnati a difendere l’onor di Patria o impegnati come volontari o anche andati lì a fotografare gli scorpioni del deserto.

Perché gli uomini possono. A loro attiene la natura avventurosa, eroica, coraggiosa.

Se si tratta di donne, non può essere che siano lì, in virtù di studi universitari, per sviluppo di competenze professionali oppure per puro spirito umanitario. Sono donne: dovrebbero stare a casa a fare la calza, cucinare le lasagne, parlare a comando.

Ma la cosa più orrenda è che le frasi peggiori arrivano proprio da alcune donne:  incattivite, aggressive, colme di un odio che mi risulta incomprensibile.

Sono tante le donne che si scagliano contro “quelle due” che hanno il coraggio, l’ardire, di comportarsi come due uomini: ma come si sono permesse di andare in Siria come cooperanti, di sottoporsi ad un simile rischio?

Come può una donna, femmina, un essere senza testicoli, presumibilmente con un cervello meno sviluppato, con meno forza fisica, con le mestruazioni e gli sfasamenti ormonali, con la ceretta mensile da fare, con le unghie da limare, con il reggiseno e i tacchi, andare lì. In mezzo al pericolo, al sangue, ai corpi maciullati, alla morte. Perché lì si vive la morte (ossimoro calzante).

Come può una donna pretendere di avere quella strana cosa che si chiama “coraggio” e che è uso esclusivo del maschio?

Non può.

E se prova a farlo è solo una “troia”che esce dagli schemi mentali di tante brave persone.

E le brave persone non vogliono veder distrutti i propri schemi mentali perché ci hanno messo una vita a farseli e a consolidarli perbene: per sentirsi sicuri, dentro la casina bella, lontani dal pericolo delle bombe, lontani dal sangue, lontani da Greta e Vanessa che scombinano tutta la favola.

Ma io non sono una brava persona. Sono una strega.

Per cui dico: care Greta e Vanessa, io sono felice che siate andate. E sono felice che siate tornate.

_________________________________________________________________________________________________

CONTATTI   19 gennaio 2015:   49.067

LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

LA DEA SATIRA

Pubblicato 11/01/2015 da paroladistrega

ex-voto-donna-in-ginocchio-argento-925-o-metallo-12-cm_d850e80418a9508d5c19ae739038fe70.image.330x330

Finora ho taciuto perché non volevo creare o alimentare polemiche. Sono morte delle persone per mano del TERRORISMO. Quanti mi conoscono e/o leggono sanno bene che condanno ogni e qualsiasi forma di VIOLENZA, che considero il CANCRO DELL’UMANITA’. Quindi: RIBADISCO LA MIA CONDANNA PER LE STRAGI DI PARIGI contro il giornale satirico Charlie Hebdo e nel negozio ebraico (e le stragi dei terroristi in ogni parte del mondo). Non ho però mai usato l’hashtag ‪#‎jesuischarlie‬ perché stavo riflettendo. E ho riflettuto molto perché penso molto prima di scrivere o parlare, soprattutto su temi che possono scatenare discussioni accese. Ma ora lo dico. Lo dico da donna di sinistra, da donna che sostiene la libertà di pensiero e di parola, da donna che ci mette la faccia anche quando non toccano il “giardino di casa”. Lo dico. E dico che oggi (più che mai) la satira dovrebbe porsi delle domande, dovrebbe farsi un bell’esame di coscienza.

Questo sbandierare, osannare, esaltare la libertà di satira come qualcosa di intoccabile, sacro (sì, sacro), illimitato, incontrollabile-incontrollato, infinitamente agibile, mi pare alquanto assurdo. La satira è un “agire umano” e ogni agire umano, in quanto contestualizzato in una società civile, dovrebbe essere soggetto ad una semplicissima regola di buon senso e civiltà: LA MIA LIBERTA’ DI AGIRE (e PARLARE) FINISCE DOVE INIZIA LA TUA.

Invece, guai a dire mezza parola contro la libertà di satira. Guai a dire “a me non piace”: ti accusano di essere FASCISTA. Se sei di SINISTRA DEVI INGINOCCHIARTI DI FRONTE ALLA SATIRA.

La satira  sta diventando una nuova DEA da adorare. Inginocchiatevi pure, sempre e comunque, davanti a Dea Satira. Io non lo faccio. 

Firmato: una strega libera da ogni pensiero omologato. ‪#‎cogitoergosum‬‪#‎jesuisbarbara‬

_______________________________________________________________________

CONTATTI   11 gennaio 2015:   48.529

LA PUBBLICITA’ NON E’ INSERITA DA ME, ma direttamente da WORDPRESS (io non guadagno niente da questo blog).

 

Parti di lui

Sono un Dugongo spiaggiato.

PALESTINE FROM MY EYES

Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

paroladistrega

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

Posto Occupato

È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

seiofossifoco

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

IllustrAutrice

BARBARA GIORGI