LETTURE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

Pubblicato 23/04/2015 da paroladistrega

safe_image

Quando un’amica mi chiama per partecipare ad un evento contro la VIOLENZA DI GENERE cerco sempre di aderire. Perché questo tema è da tempo la mia-nostra battaglia di donna, di donne impegnate.

Ho aderito anche questa volta e ringrazio la poetessa, scrittrice, giornalista Angela  Maria Fruzzetti per avermi coinvolta (con mia madre, poetessa Gabriella Izzo Giorgi) nella MARATONA DI LETTURE che si terrà oggi 23 aprile nel Chiostro del DUOMO di Massa (Massa Carrara), in occasione della GIORNATA  MONDIALE DEL LIBRO, evento “San Giorgio, un libro una rosa”.

Tra gli altri interventi, menziono quello del Maestro Giuliano Lazzarotti, organizzatore e curatore del Premio Letterario Europeo “Massa città fiabesca di mare e di marmo”.

Alle ore 18, noi tre donne parleremo di VIOLENZA DI GENERE: leggeremo nostri scritti sul tema della violenza sulle donne. Poesie, monologhi, parti di libro. Angela leggerà parti del suo libro NON DIRE NIENTE A NESSUNO, mia madre Gabriella leggerà delle sue poesie e io leggerò il mio monologo LA CORNICE VUOTA (dal libro EVA E ALTRI SILENZI). E regaleremo rose, in ricordo della leggenda di San Giorgio, il drago e la rosa.

Di seguito, riporto il testo del mio monologo, nella speranza che possa costituire uno spunto di riflessione, soprattutto per le donne vittime di violenza.

Dal mio libro  “EVA  E  ALTRI SILENZI”, pubblico qui di seguito il monologo LA  CORNICE  VUOTA  (tema: una telefonata ad un centro antiviolenza).

LA  CORNICE  VUOTA

monologo dal  libro “EVA E ALTRI SILENZI”  di  Barbara Giorgi

Non so perché ho telefonato.

Non lo so proprio.

Questo numero l’ho visto in tv. No, forse l’ho visto stampato su un manifesto per strada.

C’era accanto la scritta  “centro antiviolenza”.

Credo…

Va bene, non importa dove ho visto questo numero.

Devo dirle perché ho chiamato?

Forse ho un problema. Ma forse no. Sicuramente no.

Sicuramente esagero.

Sicuramente sto sbagliando.

Non dovevo chiamare.

Lei vuole che parliamo un po’?

Lei vuole sapere come mi sento?

Io… come mi sento.

Non lo so come mi sento.

Nessuno mi chiede mai come mi sento.

Non so dire come mi sento.

Forse sono una cosa un po’ vuota: come un sacco vuoto, come un piatto vuoto, come qualcosa di vuoto che prima era pieno.

Ecco. Sono una cornice vuota, senza il quadro.

Prima ero un bel quadro: uno di quelli con molti colori, molto naif, molto allegro.

Un quadro con la cornice.

Perché? Mi chiede perché adesso sono una cornice vuota? Senza quadro?

Semplice. Perché lui ha tolto il quadro.

Sì, lui.

Lui è l’amore della mia vita.

Sì, fidanzato, compagno, amante.

Come vuole chiamarlo?

Io lo chiamo amore. Per me è l’amore della mia vita.

Sa, ogni mattina mi porta il caffè a letto e poi mi dice che sono la più bella del mondo.

Come non amare un uomo così?

E mi riempie di regali di ogni tipo, non solo per le feste: anche in altre occasioni.

Soprattutto dopo le nostre litigate.

Sì, certo, litighiamo.

Come tutte le coppie.

Sì, certo, anche noi litighiamo.

Tutti litigano. E’ normale. E’ umano.

Schiaffi? No, per carità.

Forse… solo una volta. O forse… due volte.

Ma poi, basta.

Magari una spinta. Ma non voleva. E sono caduta giù per le scale di casa.

Mi sono rotta la caviglia. Sì, sono stata al pronto soccorso e mi hanno messo il gesso.

No, ma scherziamo? Come facevo a dire che lui, il mio amore, mi aveva spinta giù per le scale. Non potevo. Ho detto di essere caduta da sola.

Può capitare, del resto.

Certo, i medici hanno creduto alle mie parole.

Altre volte?

Una volta mi ha stretto forte il polso e ho dovuto tenerlo bendato una settimana.

Si era gonfiato un po’ e mi faceva male.

Ma niente di grave. Poi è passato.

Sono cose che capitano in tutte le coppie. Come lo so? Mah! Credo che sia così.

Si sa, si dice, si legge.

L’amore è anche passione.

Secondo lei, tutto questo non è amore e non è passione, ma è violenza…

Violenza.

Violenza?

Mi scusi, ma è un termine esagerato.

No, non può essere violenza.

Lui è l’amore della mia vita!

Perché allora ho telefonato?

Perché. Non so il perché.

Forse perché lui stamani mi ha dato un pugno.

Mi fa male la pancia.

Ma lui non voleva certo procurarmi dolore.

Lui mi ama.

Era solo nervoso. A volte capita che lui sia nervoso.

Sì, mi fa ancora male la pancia.

Mi fa molto male.

Mi ha dato un pugno sotto lo stomaco.

Ho provato tanto dolore da svenire.

Quando ho riaperto gli occhi lui non c’era più e io ero sdraiata sul pavimento della cucina. Vicino a me c’era il gatto che mi leccava la mano.

No. Non sono andata al pronto soccorso.

Mi sono fatta un bel caffè, ma mi veniva da vomitare. Allora non l’ho bevuto.

Così, ho pensato di provare a chiamare voi.

Così, tanto per capire cosa fate.

Così, solo per curiosità.

Mica ho bisogno di voi, in realtà.

E’ solo per capire.

E’solo per avere qualche informazione.

Io non ho bisogno di aiuto.

Lui mi ama davvero.

Io sono tutta la sua vita! Me lo dice sempre…

Però.

Lei continua a dirmi che nell’amore non c’è violenza.

Che l’amore è un’altra cosa.

Che l’amore è fatto di carezze e non di pugni.

Che l’amore solleva e non atterra.

Che l’amore fa sognare e non vivere nel terrore.

Che l’amore riempie le persone e non le svuota.

Che l’amore è altro da questa cornice senza quadro.

Cos’ho capito ora?

Che forse dovevo chiamarvi prima.

Che forse sto sbagliando.

Che forse non è amore.

Che forse… devo riempire di nuovo la cornice.

Barbara  Giorgi

___________________________________________________________________________________

CONTATTI  23 aprile 2015:   51.779

_________________________________________________________________________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parti di lui

Sono un Dugongo spiaggiato.

PALESTINE FROM MY EYES

Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

paroladistrega

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

BARBARA GIORGI

Posto Occupato

È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

seiofossifoco

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

IllustrAutrice

BARBARA GIORGI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: