LA RETORICA DELLA SANTIFICAZIONE DELLA MATERNITA’

Pubblicato 19/08/2015 da paroladistrega

Culla

Caso MARTINA LEVATO. Se ne parla e se ne legge. E’ ormai un caso mediatico, come spesso accade per i fatti di cronaca e relativi percorsi processuali.

In breve, anche se lo sapete tutt*: questa donna è stata condannata in primo grado per aver sfigurato con l’acido il suo ex (con l’aiuto di un altro uomo). Condannata a 14 anni di carcere. Ha partorito da pochi giorni e i giudici del tribunale dei minori di Milano hanno  deciso di separarla dal bambino. Lei è detenuta, in attesa dell’appello. Il bambino sarà per ora affidato ad un tutore legale in attesa del procedimento di adottabilità.

Leggo opinioni contrastanti sul fatto della SEPARAZIONE COATTA MADRE-FIGLIO decisa dal tribunale. E leggo molti scritti, articoli, post di blog, opinioni, commenti di amiche femministe che vanno a spada tratta, in difesa di Martina Levato. Perché? Ovvio: lei è una donna, in più è Madre. E le Madri non si toccano: sono tutte Sante del Paradiso intoccabili, Angeli del Cielo che  partoriscono, educano e crescono i loro figli, con Amore puro e incontaminato.

Eccovi spadellata la Retorica della Santificazione della Maternità.

Lo dico chiaro e tondo: sono femminista (e pure strega) e la Retorica non mi piace. Men che meno quella sulla Santificazione della Maternità.

Fermo restando che sì, l’IMPRINTING e l’EDUCAZIONE emotivo-comportamentale dei primi anni di vita  di un essere umano (ma direi di ogni animale) sono fondamentali per la formazione e la sana crescita, viene da chiedersi …ma esiste una QUALITA’ di IMPRINTING-EDUCAZIONE oppure basta essere Madri Sante e Intoccabili?

Queste le mie obiezioni alla Retorica della Santificazione della Maternità:

  1. le madri non sono esseri intoccabili che viaggiano con la Verità in tasca
  2. le madri sono esseri umani fallibili: se compiono una grave azione condannabile ne va tenuto conto anche nel rapporto educativo madre – figlio
  3. il rapporto madre-figlio deve tutelare il figlio, prima della madre.

Infine, vorrei fare una considerazione su quella PARITA’ DI GENERE che noi femministe inseguiamo da sempre. Quella PARITA’ che dovrebbe vedere donne e uomini con gli stessi diritti ma anche – per minima coerenza – con gli stessi doveri. Per cui dico: se l’azione oggetto di condanna (gettare acido e sfigurare una persona) l’avesse compiuta un padre, non staremmo qui a discutere. Lo avremmo definito “mostro” e gli avremmo tolto – mediaticamente parlando – la paternità, accusandolo di non essere “degno”. Punto. Senza se e senza ma. Un mostro non è un padre affidabile.

Invece, le madri sono sempre “degne”. Sono madri. Possono compiere qualsiasi azione deplorevole e noi, come società, le condanniamo per quella specifica azione. Poi, molt* pensano che di quello che succede nell’intimissima relazione con la prole,  che ce ne dovremmo lavare le mani, lasciando tutto nascosto in quell’aura dorata e misteriosa  dove il rapporto madre-figlio si nutre di vicendevole amore. Senza metterci becco. Perché  una Madre è sempre degna, intoccabile, pura, perfetta.

Ma questa è solo Retorica. E di quella ne potremmo pure fare  – finalmente –  a meno.

Suvvia.

Almeno noi femministe togliamoci di dosso la Retorica della Santificazione della Maternità.

_____________________________

Per approfondimenti, ascoltate  il parere di Adriana Bembina, medico Psicoterapeuta, esperta dell’età evolutiva, riguardo al recente provvedimento del Tribunale dei Minori di Milano di togliere il neonato a Marina Levato. Qui, nel video di Repubblica (“il pensiero delirante può investire e spesso investe i bambini”).

http://video.repubblica.it/edizione/milano/coppia-acido-la-psicoterapeuta-troppi-rischi-per-il-neonato/209636/208760?ref=tbl

___________________________________________________________________________________________

CONTATTI   111.157

AVVISO AI LETTORI DI QUESTO BLOG

NON VENGONO APPROVATI-PUBBLICATI  COMMENTI CONTENENTI FRASI OFFENSIVE, RAZZISTE, MISOGINE O COMUNQUE  VERBALMENTE  VIOLENTE.

I MITOMANI NON SONO I BENVENUTI.

_________________________________________________________________________

Mi trovate anche qui, su Facebook:

https://www.facebook.com/barbara.giorgi.16

________________________________________________________

IL MIO ULTIMO LIBRO, SU TEMI DI GENERE:

EVA E ALTRI SILENZI” (2014): racconti e monologhi di donne su temi impegnati (violenza di genere, molestia sessuale, anoressia, pedofilia…). Il libro è dedicato alla grande e compianta Franca Rame, su autorizzazione della Compagnia teatrale Fo Rame.

Cartaceo:

http://www.mondadoristore.it/Eva-e-altri-silenzi-Barbara-Giorgi/eai978889114200/

Ebook:

http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/cataloghi-arte/eva-e-altri-silenzi-ebook.html

Annunci

6 commenti su “LA RETORICA DELLA SANTIFICAZIONE DELLA MATERNITA’

  • io sono profondamente convinto anche una criminale responsabile di un reato odioso (e vale pure per l’uomo ) possa amare i propri figli e non sto santificando nulla.ma credo che la decisione del tribunale in questa vicenda sia stata giusta ed equilibrata

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: