“LE GUERRE SONO TUTTE TERRIBILI”

Pubblicato 16/11/2015 da paroladistrega

Lo so già, tutto quello che scriverò non servirà a nulla. Ma fatemelo scrivere, perché ne ho bisogno. Sì, ho bisogno di esprimere i miei pensieri su quella maledetta sera di venerdì 13 novembre. Parigi e la morte. Parigi e il terrore.

Mio marito che mi dice “ma che succede a Parigi?” mentre fa velocemente zapping dopo cena. E io, distrattamente, gli rispondo “non lo so”. Ma guardo nel web, nei social. E scopro che si è scatenato l’inferno.

Da quel momento, stupore, fiato sospeso, sguardo incollato alle notizie che scorrono online. Lacrime versate davanti alla tv, nel vedere i volti di quelle ragazze e di quei ragazzi morti durante un concerto al Bataclan. E tutti gli altri morti, nei luoghi della condivisione, del divertimento.

E oggi anche la notizia della morte di Valeria Solesin, giovane studentessa veneta, con quel viso da brava ragazza che ti fa pensare “ma io l’ho già vista, sì, mi sembra di conoscerla”. No. Non la conosco. Ma ha il viso di altre mille studentesse con gli occhi spalancati e il sorriso della giovinezza, della speranza. E non ce la faccio a guardarla troppo, sennò mi commuovo. Perché lei non è solo lei, ora. E’ anche tutti gli altri, sia quelli morti, sia quelli a cui uccidono la speranza di un mondo civile, umano. Ragazze e ragazzi derubati del futuro.

Da oggi, ma già da ieri, chissà da quanto… il mondo non è più umano.

Non lo è per colpa del terrorismo. E non lo è per colpa del razzismo.

Cancri che si autoalimentano l’un l’altro, ma facciamo finta che siano cose distinte, che vanno per la loro strada solitaria. Invece, camminano a braccetto, stretti l’uno all’altro, parassiti reciproci. L’uno che trascina l’altro, ma non vogliamo capirlo.

Ci riempiamo la bocca di “globalizzazione”, ma poi vorremmo muri di Berlino intorno al nostro condominio, perché il pericolo ormai lo sentiamo alle porte.

“E allora, dobbiamo farci massacrare tutti?” si chiedono in tant* nei social e non solo.

Io non ho risposte pronte, io non sono nessuno e non posso certo dire quale sia la soluzione. So quale NON E’: la guerra non è la soluzione, non lo è mai, non lo sarà mai.

Perché io la penso come TIZIANO TERZANI, quando nel 2001 scrisse una lettera a ORIANA FALLACI, dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Oriana Fallaci NON aveva ragione. Le guerre sono tutte terribili. Ecco una parte della lettera di Tiziano Terzani : “E tu, Oriana, mettendoti al primo posto di questa crociata contro tutti quelli che non sono come te o che ti sono antipatici, credi davvero di offrirci salvezza? La salvezza non è nella tua rabbia accalorata, né nella calcolata campagna militare chiamata, tanto per rendercela più accettabile, «Libertà duratura». O tu pensi davvero che la violenza sia il miglior modo per sconfiggere la violenza? Da che mondo è mondo non c’ è stata ancora la guerra che ha messo fine a tutte le guerre. Non lo sarà nemmen questa. Quel che ci sta succedendo è nuovo. Il mondo ci sta cambiando attorno. Cambiamo allora il nostro modo di pensare, il nostro modo di stare al mondo. È una grande occasione. Non perdiamola: rimettiamo in discussione tutto, immaginiamoci un futuro diverso da quello che ci illudevamo d’ aver davanti prima dell’ 11 settembre e soprattutto non arrendiamoci alla inevitabilità di nulla, tanto meno all’ inevitabilità della guerra come strumento di giustizia o semplicemente di vendetta. Le guerre sono tutte terribili…”

Sì, le guerre sono tutte terribili.

E ora, in questo preciso momento in cui leggo la notizia dell’attacco dei bombardieri francesi su Raqqa, in Siria, lo credo ancora più fermamente.

Quindi, che fare? Non bombardare? Non colpire il terrore?

Quindi.

Quindi, giorni fa, è stato colpito un boia dei terroristi con un drone USA.

Quindi, potrebbero fare la stessa cosa con molti dei leader e boia del terrorismo.

Quindi …  no: bombardano una città, Raqqa in Siria. Meglio fare le cose in grande, così magari si fanno anche stragi di civili (perché si sa, muoiono anche gli innocenti). “La città è avvolta in una palla di fuoco” leggo su Panorama online.

Quindi: sospetto dei giochi a tavolino… (anche voi?).

_____________________________________________________________________________________________

CONTATTI   116.140

AVVISO AI LETTORI DI QUESTO BLOG

NON VENGONO APPROVATI-PUBBLICATI  COMMENTI CONTENENTI FRASI OFFENSIVE, RAZZISTE, MISOGINE O COMUNQUE  VERBALMENTE  VIOLENTE.

I MITOMANI NON SONO I BENVENUTI.

_______________________________________________________________________________________

Mi trovate anche qui, su Facebook:

https://www.facebook.com/barbara.giorgi.16

________________________________________________________

IL MIO ULTIMO LIBRO, SU TEMI DI GENERE:

EVA E ALTRI SILENZI” (2014): racconti e monologhi di donne su temi impegnati (violenza di genere, molestia sessuale, anoressia, pedofilia…). Il libro è dedicato alla grande e compianta Franca Rame, su autorizzazione della Compagnia teatrale Fo Rame.

Cartaceo:

http://www.mondadoristore.it/Eva-e-altri-silenzi-Barbara-Giorgi/eai978889114200/

Ebook:

http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/cataloghi-arte/eva-e-altri-silenzi-ebook.html

Annunci

2 commenti su ““LE GUERRE SONO TUTTE TERRIBILI”

  • Le guerre sono tutte terribili.E, condivido anche io il pensiero di Tiziano Terzani.
    L’attentato a Parigi mi ha fatto riflettere molto. Non solo sulla guerra però. Quella c’era anche prima.( Ammesso che sia corretto definire il terrorismo una guerra) solo che finchè un attacco è a Beirut, per esempio, nessuno si cura di chi muore. Lo percepiamo come lontano…non nostro. Pare che questo l’attentato abbia risvegliato tutti…sui social ciascuno condivide la sua opinone( volutamente uso il verbo condividere e non esprimere. Molte opinioni sono raffazzonate, copia incollate….vedi, la Fallaci, post di attentati accaduti in aprile ecc…)Ma, a prescindere da questo, che è una mera considerazione personale e che non ha nulla a che vedere con il tuo post, personalmente non credo all’ ipotesi di giochi a tavolino. O meglio, non capisco cosa intendi…che interesse avrebbe la Francia a bombardare a tutto spiano? Dove sta il ( passami il termine) “compromesso”?
    Detto questo, non condivido nemmeno io la posizione della Francia di bombardare a tutto spiano sebbene dubiti fortemente che il terrorismo possa essere eliminato con i droni.

    • Ciao. Non sospetto “giochi a tavolino” esclusivi della Francia. Non credo abbia tutto questo potere un unico Stato. Il mondo sta “esplodendo” grazie a politiche sbagliate dell’Occidente. Il nostro etnocentrismo ha sottovalutato la volontà di “esserci” da parte di altre culture. Da tempo, da sempre ci consideriamo l’ombelico del mondo. Ma non lo siamo e i fatti lo dimostrano. Per quanto riguarda la guerra, ripeto, non so quale sia la soluzione e non mi invento stratega. Ma so quale non è: i bombardamenti su uno Stato. E’ come se per combattere la mafia, si bombardasse la Sicilia o l’Italia intera. Un male è un male. E questo va estirpato con droni o intelligence o altre misure mirate. Non si uccide un intero organismo per eliminare un batterio. Si elimina il batterio.

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: