A.A.A. UTERI IN AFFITTO E BAMBINI IN VENDITA

Pubblicato 08/12/2015 da paroladistrega

In questi giorni,  leggiamo molto sul tema delle c.d. “madri surrogate” e “uteri in affitto”.

Molte femministe chiedono di non usare queste definizioni così “trash”, così “crude”, perché secondo loro c’è dell’altro dietro: si tratterebbe di un’ulteriore forma ed espressione di LIBERA AUTODETERMINAZIONE DELLA DONNA.

Sinceramente, sono d’accordo con LUISA MURARO, filosofa e fondatrice a Milano della Libreria delle Donne: «La tratta e la schiavitù sono già un crimine riconosciuto e condannato a livello internazionale, invece contro l’utero in affitto, la forma più odiosa di sfruttamento del corpo delle donne, bisogna combattere. Siamo ancora in tempo».

http://www.avvenire.it/Cultura/Pagine/MERCATO-.aspx

Personalmente, credo che nel dibattito, ancora aperto e infuocato, sulle c.d. “madri surrogate”, si parli tanto di DIRITTI:

  • quelli di aspiranti madri non fertili,
  • quelli di padri frustrati che non hanno eredi,
  • quelli di madri surrogate che non vedono l’ora di vendere un ovocita e di affittare il proprio utero,
  • quelli delle coppie etero senza figli,
  • quelli delle coppie omosex con desiderio di genitorialità.

TUTTI RIVENDICANO DIRITTI.

Ma in mezzo a tutto questo esercito schierato di DIFENSORI-DETENTORI DI DIRITTI, compreso lo sbandieramento-strumentalizzazione dell'”io sono mia” (come se il “mia” consistesse nel vendere-affittare parti di sé…), ecco che mi sorge una piccolissima, banalissima, stupidissima domanda. Che pongo qui:

A QUALCUNO GLIENE FREGA QUALCOSA DI QUEL NASCITURO EX OVOCITA E SPERMATOZOO, A QUELL’ESSERE FEMMINA O MASCHIO, A QUEL BAMBINO-A DI OGGI E FUTURO ADULTO DI DOMANI che è lì… come un dado lanciato in aria, come un sasso scagliato in acqua?

Perché, da FEMMINISTA, dico:

  • una cosa è il tema dell’aborto, dove non viene messo al mondo nessuno,
  • altra cosa è il tema dell’utero in affitto, dove viene messo al mondo un essere umano, titolare di DIRITTI.

E il primo dei DIRITTI di un ESSERE UMANO è non costituire OGGETTO DI SCAMBIO, DI COMPRAVENDITA, DI SODDISFACIMENTO DI BISOGNI-APPAGAMENTI ALTRUI.

Ora, fermatevi un attimo. E provate ad immedesimarvi in un essere umano “pianificato, commissionato e pagato”. Come vi sentireste?

Io mi sentirei uguale a un qualsiasi oggetto, un bene di consumo: uno smartphone, un televisore, un’auto.

Forse domani compreremo i bambini su Amazon o  eBay, scegliendo uteri e ovuli, in base ai capelli biondi e occhi azzurri delle madri surrogate.

E le madri surrogate saranno la bandiera vivente, il simbolo dell’autodeterminazione delle donne: tutte in grado di affittare, vendere, contrattare parti di sé. Una prostituzione degli uteri che conduce a un commercio di bambini, il cui prezzo sarà saldato alla nascita.

Care mie, se questa è l’autodeterminazione, emigro su un altro pianeta. Abitato da femministe meno egoiste.

____________________________________________________

CONTATTI   117.069

AVVISO AI LETTORI DI QUESTO BLOG

NON VENGONO APPROVATI-PUBBLICATI  COMMENTI CONTENENTI FRASI OFFENSIVE, RAZZISTE, MISOGINE O COMUNQUE  VERBALMENTE  VIOLENTE.

I MITOMANI NON SONO I BENVENUTI.

_______________________________________________________________________________________

Mi trovate anche qui, su Facebook:

https://www.facebook.com/barbara.giorgi.16

________________________________________________________

IL MIO ULTIMO LIBRO, SU TEMI DI GENERE:

EVA E ALTRI SILENZI” (2014): racconti e monologhi di donne su temi impegnati (violenza di genere, molestia sessuale, anoressia, pedofilia…). Il libro è dedicato alla grande e compianta Franca Rame, su autorizzazione della Compagnia teatrale Fo Rame.

Cartaceo:

http://www.mondadoristore.it/Eva-e-altri-silenzi-Barbara-Giorgi/eai978889114200/

Ebook:

http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/cataloghi-arte/eva-e-altri-silenzi-ebook.html

Annunci

5 commenti su “A.A.A. UTERI IN AFFITTO E BAMBINI IN VENDITA

  • Grazie per questo pezzo! Io, da femminista convinta, sono assolutamente d’accordo con te. Non riesco a non pensare ad una pulsione tremendamente egoistica dietro a tutto questo sbandierare diritti a destra e a manca. Insomma, un conto è usare tutte le armi che la scienza ci ha messo a disposizione per aiutare una coppia a concepire un figlio, un altro è aprire un “supermercato della riproduzione”, tanto più che esiste sempre l’adozione, che salverebbe anche la vita di un bambino. Ma quando esprimo il mio pensiero vengo irrimediabilmente tacciata di bigottismo.

    • Cara Elenuccia, pure io vengo accusata di bigottismo. Pazienza. Continuiamo a difendere le nostre idee. Essere femministe non significa calpestare i diritti degli altri, soprattutto quando gli “altri” sono bambini in carne ed ossa.

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Parti di lui

    Sono un Dugongo spiaggiato.

    PALESTINE FROM MY EYES

    Generating a fearless and humanising narrative on Palestine!

    paroladistrega

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    BARBARA GIORGI

    Posto Occupato

    È un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

    Se Non Ora Quando FACTORY

    Laboratorio di libero pensiero e azione politica

    il ricciocorno schiattoso

    ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

    seiofossifoco

    This WordPress.com site is the cat’s pajamas

    IllustrAutrice

    BARBARA GIORGI

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: